Categorie
Regionali

Finanziamenti Campania a fondo perduto 2021: bandi ristorazione, B&B, start up, imprese, agricoli, turismo

Diamo un’occhiata ai finanziamenti in Campania a fondo perduto attivi nel 2021 ed ai bandi degli altri incentivi disponibili per le imprese, le start up, gli imprenditori agricoli e per chi opera o vuole entrare in settori come quelli del turismo e della ristorazione.

Le novità sui contributi 2021 per il turismo nella regione Campania

Il comparto del turismo è una delle locomotive dell’economia di un a paese straordinario come l’Italia: questo discorso è valido anche per la splendida Campania. Le attività del settore (tra cui ristornati, B&B, alberghi e così via) possono accedere a dei bandi dedicati proprio a loro. Le ultime novità relative ai finanziamenti in Campania per le attività del turismo arrivano direttamente dalla Giunta Regionale: proprio lo scorso 8 giugno 2021 è stata approvata una misura a favore delle imprese di micro, piccole e medie dimensioni che sono state coinvolte dalla crisi legata al coronavirus. Si parla di uno stanziamento complessivo di 15 milioni di euro (che fanno parte della dotazione POR FESR, il fondo europeo per lo sviluppo regionale) con cui sarà possibile erogare contributi a fondo perduto che possano coprire fino al 60% del valore dell’investimento proposto dall’impresa, per un valore massimo di 200.000 euro.

Finanziamenti Campania 2021 per B&B e imprese alberghiere

La Campania rientra tra le regioni del Mezzogiorno in cui è valido il bando Resto al Sud. L’obiettivo di questa misura è quello di favorire la nascita e lo sviluppo di nuove attività nei settori delle attività produttive, della fornitura di servizi, delle attività libero professionali e del turismo; sono esclusi il commercio e le attività agricole. Le imprese beneficiarie possono ottenere fino a 50.000 euro per ogni richiedente (massimo 200.000 euro per le società con almeno quattro soci) con copertura completa delle spese ammissibili tramite un contributo a fondo perduto ed un finanziamento bancario agevolato, ovvero garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI e con gli interessi a carico dell’agenzia Invitalia. Tra le spese ammissibili ci sono la ristrutturazione o la manutenzione straordinaria degli immobili, l’acquisto di nuovi macchinati ed attrezzature, i programmi informatici e le spese di gestione. L’inventivo è riservato alle persone fino a 55 anni che risiedono nelle regioni del Sud, tra cui, ovviamente, la Campania.

Un altro degli incentivi più noti è Nuove imprese a tasso zero, che ha l’obiettivo di aiutare i giovani e le donne a realizzare il loro sogno di diventare imprenditori. A differenza delle misure precedenti, questo bando è valido per l’intero territorio nazionale. Si tratta di un mix tra finanziamento a fondo perduto e finanziamento agevolato che permette di coprire fino al 90% delle spese ammissibili, con una spesa massima di 3 milioni di euro. Il contributo può essere ottenuto per realizzare nuove iniziative oppure per consolidare e sviluppare le attività già esistenti nei settori della manifattura, dei servizi, del commercio e del turismo. I beneficiari sono le micro e le piccole imprese che sono composte prevalentemente da giovani con meno di 36 anni o da donne di qualsiasi età e che si sono costituite da non più di cinque anni. Anche le persone fisiche possono presentare la richiesta di finanziamento, impegnandosi però a costituire una società dopo l’eventuale ammissione.

Finanziamenti Campania per start up innovative 2021

Tra i finanziamenti in Campania disponibili in questo 2021 ci sono anche le soluzioni pensate appositamente per le start up. Smart & Start Italia è un incentivo il cui obiettivo è favorire la nascita e la crescita di start up innovative già costituite (da non più di 60 mesi) o da costituire. La start up deve svolgere attività di impresa con sede principale in Italia e deve avere come oggetto sociale esclusivo o prevalente la creazione, la produzione e la commercializzazione di servizi o prodotti ad alto valore tecnologico ed innovativi. Il bando permette di finanziare i progetti che prevedono spese tra i 100.000 euro e gli 1.5 milioni di euro; le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di beni da investimento, ai servizi, al personale ed al funzionamento aziendale. L’agevolazione si concretizza con un finanziamento a tasso zero che copre fino all’80% delle spese ammissibili; la percentuale sale al 90% se i componenti della start up sono in prevalenza giovani under 35 o donne o se nel team è compreso anche un dottore di ricerca italiano che lavora all’estro e vuole tornare in patria. Visto che parliamo dei finanziamenti in Campania, è opportuno aggiungere che per le start up di questa e di altre regioni del Sud possono beneficiare di un contributo a fondo perduto pari al 30% del finanziamento.

Finanziamenti Campania 2021: bandi per il settore dell’agricoltura

Finora abbiamo parlato dei finanziamenti della regione Campania a fondo perduto o agevolati: quelli visti fino ad adesso sono dedicati alle imprese di vari settori, alle attività del turismo, ai B&B e così via, ma ora è il momento di vedere se ci sono contributi specifici per il mondo dell’agricoltura. Una delle opportunità più interessanti è quella rappresentata dal Bando Ismea 2021 Più Impresa. Lo scopo del contributo è quello di favorire il ricambio generazionale e lo sviluppo delle imprese agricole grazie all’ingresso dei giovani. L’agevolazione consiste in un mutuo a tasso zero che copre fino al 60% delle spese ammissibili e da un contributo a fondo perduto che può arrivare fino al 35% delle spese ammissibili. Possono partecipare al bando le imprese agricole (società o ditte individuali) composte da giovani tra i 18 ed i 40 anni che intendono subentrare ad un’azienda attiva da almeno due anni o ampliare un’impresa attiva da almeno due anni. In entrambi i casi, le imprese esistenti devono essere sane dal punto di vista economico e finanziario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *