Categorie
Regionali

Finanziamenti Regione Veneto a fondo perduto 2022: bandi start up, sviluppo, PMI, europei

Tra le regioni italiane, il Veneto è sicuramente tra le più impegnate nell’erogazione di incentivi economici volti a favorire le imprese del territorio regionale. Se siete una giovane start up veneta oppure un imprenditore locale in cerca di un supporto finanziario per la propria attività, allora date uno sguardo a questo articolo. vedremo infatti i migliori finanziamenti del 2022 a fondo perduto per start up, sviluppo e PMI della Regione Veneto.

Finanziamenti a fondo perduto per start up nella Regione Veneto

Tra i finanziamenti più ambiti dalle imprese troviamo sicuramente quelli a fondo perduto. Questa tipologia di finanziamento è particolarmente ambita dalle imprese perché consiste nella riscossione di un contributo finanziario che non prevede alcun obbligo di restituzione dell’importo finanziato. Solitamente le opportunità a fondo perduto sono davvero poche e, quando bandite, si esauriscono in fretta. Pertanto occorre cercare di essere sempre attenti e vigili sulle opportunità offerte.

Per la regione Veneto, il punto di riferimento per monitorare l’uscita di opportunità a fondo perduto è rappresentato dal sito ufficiale della Regione Veneto. Periodicamente, infatti, sul sito ufficiale della Regione, nella sezione Bandi, è possibile reperire le informazioni utili per accedere agli incentivi nazionali e regionali.

Uno dei settori sui quali il governo sta investendo particolarmente, è il settore delle start up. Nessun settore è tanto innovativo quanto quello delle start up che possono essere definite vere e proprie imprese giovanili ad alto contenuto tecnologico; incentivando la nascita di nuove start up il governo, a livello regionale, intende così agevolare nello stesso tempo i giovani imprenditori italiani e l’impiego di nuove tecnologie.

Per la regione Veneto, il bando dedicato alle start up attualmente attivo è Smart&Start Italia. Il finanziamento è a tasso zero, senza garanzie, per l’80% della copertura delle spese ammissibili. Se l’impresa è costituita da sole donne o da giovani tutti al di sotto dei 36 anni o ancora se almeno un componente del team possiede il titolo di dottore di ricerca l’incentivo può salire fino al 90% della copertura totale delle spese.

L’incentivo intende finanziare progetti compresi tra 100.000 euro e 1,5 milioni di euro. I beneficiari dell’incentivo saranno dunque le nuove start up in possesso dei seguenti requisiti:

  • costituzione da non più di 60 mesi;
  • iscrizione al registro delle imprese;
  • sede operante in Italia;
  • team di persone fisiche residenti in Italia oppure, se residenti all’estero, in possesso dello start up Visa (una sorta di visto per il lavoro autonomo);
  • sede operante all’estero purché almeno una sede sia operante sul territorio italiano.

Inoltre, per avere accesso al credito occorre presentare un progetto che verrà valutato da un’apposita commissione e che dovrà possedere le seguenti caratteristiche:

  • significativo e innovativo contenuto tecnologico;
  • orientamento allo sviluppo di prodotti e servizi nel campo della tecnologia digitale, della blockchain e dell’intelligenza artificiale;
  • finalizzazione alla valorizzazione economica degli esiti della ricerca.

Se appartenete a una giovane e innovativa start up operante sul territorio veneto e se la vostra impresa è in possesso dei requisiti richiesti, allora è possibile fare richiesta di accesso al credito. Per inoltrare la domanda basterà collegarsi sul sito ufficiale di Invitalia, l’Agenzia governativa che gestisce gli incentivi finanziari a livello nazionale e regionale, e seguire la procedura di richiesta. Le domande dovranno essere inoltrate esclusivamente attraverso la procedura online e la scadenza è prevista per dicembre 2022. Pertanto c’è ancora tempo, ma affrettatevi poiché le richieste verranno prese in carico ed eventualmente evase fino a esaurimento delle risorse stanziate.

Finanziamenti Regione Veneto per lo sviluppo a fondo perduto 2022

Altre interessanti opportunità destinate alla regione Veneto provengono sempre dagli incentivi nazionali destinati, questa volta, allo sviluppo delle imprese  e non solo sul territorio regionale.

A questo proposito segnaliamo il Fondo Impresa Femminile, un finanziamento concesso, questa volta, dal Ministero dello Sviluppo Economico. La dotazione finanziaria del fondo è pari a 40.000 di euro ed è destinata al finanziamento per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento di imprese di imprese femminili. Il contributo può essere erogato in forma mista oppure a tasso agevolato o, ancora, a fondo perduto. Il finanziamento ha una durata massima di 8 anni e non sono previste garanzie specifiche per la sua richiesta mentre le percentuali di copertura delle spese vanno dal 50 all’80% del totale. 

Per ottenere il beneficio occorre che le imprese siano a partecipazione femminile e che almeno il 67% del capitale societario sia detenuto da socie femminili.

Per ottenere l’incentivo occorre che l’impresa sia coinvolta in uno di seguenti settori:

  • produzione di beni nei settori industriali, artigianali e dediti alla trasformazione di prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi;
  • commercio;
  • turismo.

Per Richiedere l’incentivo c’è tempo fino alla fine del 2022 e  breve sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico verranno rese note informazioni più dettagliate per inoltrare la domanda.

Un altro interessante bando che segnaliamo è quello relativo alla concessione di Bonus Fiere. Ancora una volta si tratta di un incentivo a fondo perduto erogato dal Ministero dello Sviluppo Economico. Il bonus, fino a un massimo di 10.000 euro, è pari al 50% delle spese sostenute e viene concesso alle imprese locali impegnate nella partecipazione a fiere internazionali e nazionali – per la promozione del Made in Italy – che si svolgeranno nel periodo tra 16 luglio 2022 e il 31 dicembre 2022. Non vi sono particolari requisiti per accedere al bando, l’unica limitazione è costituita dal numero massimo di volte a cui un beneficiario può accedere: una. Per inoltrare la domanda c’è tempo fino al 30 novembre 2022 e le domande verranno evase in ordine temporale, perciò affrettatevi e non perdete l’occasione.

Finanziamenti PMI Regione Veneto a fondo perduto 2022

Per le PMI – piccole e medie imprese – del Veneto, il ventaglio delle opportunità si amplia. Di seguito i bandi destinati alle imprese del territorio:

Investimenti sostenibili 4.0

Il contributo, fino al 60% delle spese sostenute, è destinato alla trasformazione digitale delle PMI. Le imprese che possono beneficiare di tale misura sono tutte quelle impegnate nei settori manifatturieri e servizi alle imprese, ad eccezione, però,  di tutte quelle attività (siderurgia; estrazione del carbone; produzione di fibre sintetiche ecc.) che arrecano un danno ambientale significativo e non in linea con gli obiettivi sostenibili prefissati dall’Europa.

Per beneficiare dell’incentivo è necessario che le imprese:

  • si trovino in regime di contabilità ordinaria;
  • dispongano di almeno due bilanci approvati e depositati;
  • dispongano di almeno due dichiarazioni dei redditi presentate.

Le spese ammissibili sono:

  • macchinari e attrezzature specifiche;
  • opere murarie;
  • strumenti informatici;
  • acquisizioni e certificazioni ambientali.

Anche in questo caso, c’è tempo fino alla fine dell’anno per inoltrare opportuna richiesta.

Fondo per gli investimenti innovativi delle imprese agricole

Il contributo a fondo perduto è destinato specificatamente alle piccole e medie imprese operanti nel settore agricolo, per l’ammodernamento delle strutture e degli impianti produttivi. L’incentivo è pari al 30% delle spese ammissibili che, in casi specifici individuati dal bando può arrivare al 40%. L’agevolazione massima a cui un beneficiario può accedere è pari a 20.000 euro. L’incentivo copre le spese per:

  • beni materiali strumentali;
  • beni immateriali strumentali.

Le spese dovranno essere sostenute in data successiva alla presentazione della richiesta di accesso all’incentivo e comunque in tempo utile rispetto al termine di presentazione della richiesta di erogazione. Il bando è ancora attivo e la scadenza è fissata per il prossimo 31 dicembre 2022.

Finanziamenti europei Regione Veneto a fondo perduto 2022

Oltre agli incentivi governativi e regionali, per le imprese della Regione Veneto è possibile richiedere l’accesso ai finanziamento europei. Se appartenete a un’impresa locale operante in Veneto e desiderate avere accesso a un incentivo europeo, basterà collegarsi alla banca dati Progetta Europa raggiungibile dal sito della Regione Veneto.

Attraverso la banca dati è possibile accedere a tutti i bandi attualmente disponibili della commissione europea per i quali il Veneto è eleggibile. La banca dati è davvero ricca di opportunità, tra le quali segnaliamo:

  • Strumento PMI (Piccole e Medie Imprese): il contributo europeo a fondo perduto destinato alle piccole e medie imprese dei settori dell’artigianato, del commercio e dell’industria. Possono effettuare richiesta di accesso al bando le Start-up, i lavoratori autonomi, le Micro-impresa con meno di 10 dipendenti e le PMI con dipendenti compresi tra le 10 e le 249 unità;
  • Fast Track to Innovation Pilot: l’incentivo mira ad accrescere il concetto e l’idea alla base della commercializzazione innovativa del mercato mediante la partecipazione ai bandi dell’industria europea. Ancora una volta l’incentivo è destinato a Start-up  e lavoratori  autonomi e micro, piccole e medie imprese operanti nei settori del commercio e dell’industria.

Attualmente questi sono gli unici finanziamenti europei a fondo perduto a cui possono aderire le imprese della Regione Veneto, tuttavia, nella banca dati sono presenti ulteriori opportunità di finanziamento di diverso tipo: a tasso agevolato, a tasso convenzionato, leasing e conto interessi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.