Categorie
Regionali

Finanziamenti a fondo perduto Piemonte 2021: bandi B&B, imprenditoria femminile, agricoltura e nuove imprese

I finanziamenti a fondo perduto in Piemonte rappresentano una grande occasione per chi ha intenzione di rinforzare o dare vita al proprio progetto imprenditoriale. Per creare o sviluppare un’impresa, infatti, non sono sufficienti le buone idee e la forza di volontà: servono anche tanti soldi, ma non tutti dispongono di un capitale iniziale adeguato e molti non hanno tutti i requisiti richiesti da banche e finanziarie per concedere un prestito tradizionale. In questa pagina vedremo i bandi relativi alle più importanti agevolazioni per il mondo dell’agricoltura e quello dell’imprenditoria femminile, ma anche per chi intende aprire un B&B o avviare una nuova impresa.

Finanziamenti a fondo perduto per avviare un B&B in Piemonte

L’Italia è un Paese bellissimo ed il turismo è un settore fondamentale: anche in Piemonte sono molte le persone che decidono di avviare un’attività in questo campo. I bed and breakfast rappresentano un’alternativa molto apprezzata alle strutture ricettive più tradizionali. Per ottenere le risorse necessarie ad avviare un B&B è possibile approfittare del bando di Nuove Imprese a Tasso Zero. L’agevolazione è valida su tutto il territorio italiano ed è rivolta in modo specifico ai giovani ed alle donne che vogliono realizzare il loro sogno di diventare imprenditori nel campo del settore manifatturiero, dei servizi, del commercio e, appunto, del turismo. Il contributo è un mix tra prestito a tasso zero e  finanziamento a fondo perduto (che non può andare oltre il 20%) che permette di coprire fino al 90% delle spese ammissibili. Si possono presentare progetti di impresa che prevedono spese fino a 3 milioni di euro. Il bando è riservato alle piccole e micro imprese che sono composte in prevalenza da giovani fino ai 35 anni oppure da donne di qualsiasi età.

Finanziamenti a fondo perduto Piemonte per l’imprenditoria femminile 2021

Come abbiamo visto, l’obiettivo del bando Nuove Imprese a Tasso Zero è quello di dare slancio ai giovani ed all’imprenditoria femminile. L’Italia da questo punto di vista è purtroppo ancora troppo indietro rispetto ad altri Paesi europei: proprio per questo motivo sono state intraprese delle iniziative per aiutare lo sviluppo di realtà imprenditoriali al femminile. Ad esempio l’ultima legge di bilancio ha introdotto il Fondo per il Venture Capital, nato per sostenere gli investimenti in capitale di rischio per i progetti di imprenditoria femminile caratterizzati da elevati livelli di innovazione tecnologica. Bisogna poi sottolineare l’esistenza del Fondo Impresa Femminile, che ha una dotazione di 20 milioni di euro per il 2021 ed altrettanti per il 2022: il suo obiettivo è quello di promuovere e rafforzare l’imprenditoria femminile e valorizzare l’enorme contributo che le donne possono ulteriormente dare allo sviluppo sociale ed economico del Bel Paese. Ci sono poi i 15 milioni di euro stanziati per il bando Donne in Campo, che prevede l’erogazione di mutui a tasso zero per importi fino a trecentomila euro per le imprenditrici attive nel settore dell’agricoltura.

Finanziamenti a fondo perduto per l’agricoltura disponibili in Piemonte nel 2021

L’ultima agevolazione di cui abbiamo parlato ci fornisce l’assist per affrontare il discorso relativo ai finanziamenti a fondo perduto in Piemonte per l’agricoltura. Uno degli ultimi bandi lanciati è quello relativo alla promozione dei prodotti agroalimentari e vitivinicoli piemontesi: per i produttori che partecipano alle fiere internazionali nel 2021 e 2022 sono stati stanziati 1,4 milioni di euro. Merita di essere sottolineata l’estensione fino al 2022 del programma per il miglioramento dei rendimento globale e della sostenibilità delle aziende agricole condotte da giovani imprenditori e del premio per l’insediamento dei giovani agricoltori; vi possono partecipare i giovani agricoltori con età compresa tra i 18 ed i 40 anni che siano titolari di impresa agricola da un massimo di 24 mesi; i due bandi hanno una dotazione complessiva pari rispettivamente a 18 milioni ed a 45,6 milioni di euro. È aperto anche il bando che permette di ottenere un contributo negli interessi sui prestiti richiesti da cooperative agricole ed altre forme associate con almeno cinque imprenditori per la conduzione aziendale; il contributo sugli interessi è pari all’1% per le imprese che sono ubicate nelle zone di collina e di pianura e dell’1,5% per le imprese che si trovano in zona di montagna.

Parliamo infine dei finanziamenti ISMA destinati alle donne ed ai giovani imprenditori, che permettono di ottenere un mutuo a tasso zero per importi fino al 60% delle spese ammissibili ed un contributo a fondo perduto che può raggiungere il 35% della spesa. L’agevolazione è disponibile per le micro, le piccole le medie imprese agricole (sia ditte individuali che società) che sono composte da giovani tra i 18 ed i 40 anni e da donne di ogni età; il finanziamento viene concesso per il subentro, ovvero l’acquisizione da parte di un’impresa agricola costituita da non più di sei mesi di un’azienda solida e sana attiva da un minimo di due anni, oppure per l’ampliamento di imprese agricole sane e stabili già attive da almeno due anni. Sono finanziabili progetti di spese fino a 1,5 milioni di euro ed il mutuo può avere una durata tra i 5 ed i15 anni.

Finanziamenti e contributi per le nuove imprese piemontesi

Ad inizio articolo abbiamo parlato di Nuove Imprese a Tasso Zero: ovviamente non si tratta dell’unica agevolazione disponibile per chi vuole lanciare una nuova iniziativa imprenditoriale. I giovani, le donne ed i disoccupati, ad esempio, possono partecipare al bando del Nuovo Selfiempolyment, grazie al quale si possono ottenere prestiti a tasso zero per importi fino a 50.000 euro. Il finanziamento viene concesso ai disoccupati di lungo periodo, alle donne ed ai NEET, ovvero ai giovani che non lavorano e che non sono impegnati in un percorso di studi. Possono essere finanziate iniziative imprenditoriali di ogni settore, ad eccezione della pesca, dell’acquacoltura e della produzione primaria in agricoltura. Il bando Tessile, moda e accessori si rivolge ai giovani talenti ed alle nuove imprese (formate da non più di cinque anni) attivi nel campo del tessile, della moda e degli accessori. La misura permette di ottenere finanziamenti a fondo perduto in Piemonte e nel resto d’Italia di importo pari al 50% delle spese sostenute ed ammissibili; sono ammessi i progetti che prevedono una spesa compresa tra i 50.000 ed i 200.000 euro. Sul sito di Invitalia è possibile trovare tutti i dettagli relativi a questo bando ed alle altre agevolazioni per le nuove imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *